Successioni - Unsic Sede di Catania - UNREGISTERED VERSION

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Successioni

Servizi > Successioni

Successioni On-Line



Il servizio è attivo per tutta l'Italia, svolto dai nostri esperti che quotidianamente si occupano delle pratiche successorie.
Elaboriamo tutta la modulistica su modelli ministeriali e la trasmettiamo finita al tuo indirizzo di posta elettronica, o te la mandiamo per posta ordinaria.
Non devi fare altro che stampare, firmare e consegnare la successione con gli allegati già in tuo possesso all'Agenzia delle Entrate.

CHI DEVE PRESENTARE LA DENUNCIA DI SUCCESSIONE, QUANDO E DOVE

Gli eredi, per legge o per testamento, di una persona deceduta (de cuius) intestataria di beni immobili, devono presentare la denuncia di successione per il passaggio di proprietà, entro 1 anno dalla data di morte del titolare dei diritti (de cuius) se deceduto entro il 30/09/2006, o entro 6 mesi dopo il 01/10/2006, presso l'Ufficio locale dell'Agenzia delle Entrate competente in base al luogo di ultima residenza del defunto; se gli eredi sono più di uno la denuncia di successione può essere sottoscritta e presentata anche da uno solo di essi.

COME

Si deve compilare in più copie il mod. 4 con:
- le generalità e l'ultima residenza del defunto;
- le generalità, il grado di parentela con il defunto e la residenza degli eredi e legatari;
- la descrizione analitica dei beni caduti in successione con l'indicazione del rispettivo valore;
- gli estremi degli atti di trasferimento di beni a titolo oneroso posti in essere negli ultimi sei mesi di vita del defunto con i mezzi di prova del reimpiego o del consumo delle somme realizzate a seguito dell'alienazione dei detti beni;
- gli estremi degli atti di donazione e liberalità eventualmente posti in essere dal defunto nei confronti degli eredi e legatari;
ed allegare i seguenti documenti:
1) certificato di morte ovvero autocertificazione ai sensi degli artt. 46 e 47, D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000;
2) stati di famiglia del defunto e degli eredi rinunciatari o premorti ovvero autocertificazione ai sensi degli artt. 46 e 47, D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000;
3) eventuale copia autentica degli atti di ultima volontà (testamento), dai quali è regolata la successione;
4) eventuale copia autentica della dichiarazione di rinuncia all'eredità o al legato;
5) visure catastali degli immobili posseduti dal defunto aggiornati dopo la data di morte (da richiedere all'Agenzia del Territorio ex Catasto);
6) prospetto delle imposte autoliquidate con ricevuta del versamento
effettuato (mod. F23 quietanzato).
L'ufficio (Agenzia delle Entrate), dopo la registrazione, restituirà le copie per voltura agli eredi, che provvederanno a presentarle entro 30 giorni - dalla data di registrazione - all'Agenzia del Territorio (ex Catasto).

DETERMINAZIONE DEL VALORE DEGLI IMMOBILI

Il valore degli immobili si calcola in base alla rendita catastale opportunamente rivalutata determinando così l'asse ereditario sul quale si calcoleranno le imposte da autoliquidare (questa operazione sarà svolta dallo studio caschetta, eccezion fatta per il valore dei terreni edificabili che dovrà essere comunicato dal cliente).

DICHIARAZIONE ICI

Gli eredi ed i legatari, per gli immobili oggetto della dichiarazione di successione, non sono obbligati alla presentazione della dichiarazione ai fini ICI, sarà l'ufficio (Agenzia delle Entrate) presso il quale viene presentata la dichiarazione di successione a trasmetterne una copia a ciascun Comune nel cui territorio sono ubicati gli immobili.
La Successione
La successione si apre al momento della morte. Se il defunto non ha predisposto un testamento gli eredi, i legatari, i tutori o i curatori dell'eredità, gli esecutori testamentari o le persone che per effetto della dichiarazione di morte presunta dell'erede sono immessi nel possesso dei beni sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione entro sei mesi dalla data del decesso all'ufficio del Registro competente in base all'ultima residenza del deceduto.

L'IMPOSTA DI SUCCESSIONE

L'imposta sulle successioni riguarda tutti i beni ed i diritti trasferiti per causa di morte ed è dovuta dagli eredi, dai legatari, dai beneficiari e da altri eventuali chiamati all'eredità. Gli eredi sono tenuti in solido al pagamento dell'intera imposta, mentre i legatari sono tenuti al pagamento dell'imposta solo per la loro quota.

LA VOLTURA CATASTALE

Se nell'eredità ci sono immobili (terreni e fabbricati), entro i 30 giorni successivi alla presentazione della dichiarazione, deve essere presentata agli uffici del territorio (catasto) la richiesta di voltura. La voltura ha la funzione di aggiornamento dei dati catastali sia riguardo ai soggetti proprietari sia riguardo alla misura del possesso.

I DOCUMENTI DA PRESENTARE SONO:

- Certificato di morte (o autocertificazione);
- Stato di famiglia del defunto e degli eredi (INTEGRALE);
- Documento di riconoscimento di tutti gli eredi  e loro stati di famiglia;
- Se tra i beni caduti in successione ci sono terreni o fabbricati è indispensabile presentare l'atto attraverso   il quale il defunto ne era divenuto proprietario (rogiti di acquisto o dichiarazione di successione);
- Visure catastali recenti di terreni e fabbricati che entrano nella successione.



Torna ai contenuti | Torna al menu CONTATORE